IL MIO GATTO

SPRUZZA URINA

Oltre alle pipì fuori lettiera, c’è un solo altro comportamento del gatto capace di gettare gli umani in uno stato di totale frustrazione ed impotenza: le marcature urinarie.

Quello degli spruzzi di urina è un tema così delicato da spingere alcuni umani a cercare un’adozione alternativa per il proprio micio, sebbene molto amato. In qualche caso si tratta dell’unica soluzione possibile, specie se la casa è piccola e i gatti conviventi molti, ma in tutti gli altri ci sono alternative migliori, per te e il tuo micio. L’importante è:

  1. non rassegnarsi, pensando che il tuo gatto “è fatto così”, o che ti odi/ ti faccia dispetti

  2. non affidarsi al fai da te, seguendo consigli sentiti o letti in giro (pena tornare al punto )

Il mio intervento ti aiuterà a capire quali sono i margini di intervento possibili per te e il tuo gatto e ad applicarli con metodo, verso l’obiettivo “zero marcature” o comunque verso una convivenza in famiglia il più armoniosa (e pulita) possibile.

IL MIO GATTO MARCA IL TERRITORIO

LE MARCATURE COME FORMA DI COMUNICAZIONE

 

Le marcature feline sono una forma di comunicazione emozionale e territoriale molto complessa. Animale territoriale quale è, il gatto ha sviluppato diversi modi di comunicare i limiti del proprio spazio ai propri simili e per trasmettere informazioni su di sé "a distanza di sicurezza”. Il tutto per evitare di disperdere preziose energie in lotte con altri gatti. Una di queste è la marcatura urinaria. Normalmente in natura le marcature sono deposte lungo il perimetro del territorio del gatto e servono da "segnaposto" o da messaggio diplomatico: "sono stato qui da tal a tal ora, vedi di passare in un altro orario, così non bisticciamo". Oltre che territoriale, la marcatura urinaria può avere anche un significato sessuale ed è molto importante ai fini dell'accoppiamento. Gli spruzzi di urina sono inoltre frequenti in situazioni di stress e di cambiamento.

MA IL MIO GATTO È FEMMINA! MA IL MIO GATTO È STERILIZZATO!

Le marcature urinarie compaiono generalmente con la maturità sessuale. Anche le femmine posso realizzare marcature urinarie per gli stessi motivi per cui lo fanno i maschi, sebbene meno frequentemente. E sì, anche un gatto sterilizzato può iniziare a marcare, specialmente se la sterilizzazione è avvenuta tardivamente.  Questo perché, appunto, la marcatura non ha unicamente una funzione sessuale, ma anche territoriale ed emozionale. 

MARCATURA URINARIA: COME RICONOSCERLA

Come distinguere una marcatura urinaria da una normale pipì? Banalmente, nel primo caso l'urinna non si troverà solo per terra, ma anche e soprattutto su superfici verticali, in piccole quantità. I proprietari che hanno colto in flagrante i propri mici "graffitari" hanno imparato a riconoscere la particolare sequenza che caratterizza questo comportamento:

 - il micio si avvicina alla zona prescelta, si ferma e adotta una particolare mimica facciale chiamata flehmen: tenendo il muso sollevato e il collo esteso, il gatto tiene la bocca semiaperta, arricciando naso e labbro superiore. In questo modo riesce a catturare l'aria e rilevare i feromoni in essa contenuti attraverso un particolare organo chiamato veromonasale;

- si volta portando la parte posteriore del corpo verso la superficie verticale e inizia a sollevare in modo alternato le zampe (petrissage);

- alza la coda, la fa vibrare e... ssss...spruzza urina.

- non sempre ma spesso, torna sulla zona marcata adottando ancora il flehmen 

Un gatto che marca può continuare ad usare normalmente la cassetta per feci e urina, per questo è importante trattare il problema delle marcature in modo specifico.

SCOPRI

COME RISOLVERE

IL PROBLEMA

DELLE MARCATURE

Se nonostante la sterilizzazione il tuo micio continua a spruzzare urina su muri, elettrodomestici, tende, porte, finestre, piante, mobili, vestiti... Una cosa è certa: il tuo gatto non ti sta facendo un dispetto. Un'altra cosa però è altrettanto sicura: la tua pazienza è messa a dura prova. Ecco allora che, dopo un check veterinario, la seconda mossa più saggia da fare è quella di rivolgersi ad un esperto per capire i reali motivi che scatenano questo comportamento e adottare un piano d'azione mirato. 

 

Attraverso l'ascolto, l'osservazione e l'analisi insieme saremo in grado di individuare i motivi scatenanti delle marcature urinarie e intervenire su più piani (ambientale, relazionale, emozionale) co strategie che rispettino sia i bisogni etologici e personali del tuo micio che le tue esigenze: perché un dialogo tra umani e gatti è possibile, basta solo guardare il mondo con occhi diversi.

© 2020 by Alice Catalani.  Tutti i diritti riservati. P. IVA 03888050139

Privacy | Cookie Policy |  Contatti